Donald Trump respinge tutte le accuse. Lui, che di fake news è maestro, liquida così illazioni e sospetti che si rovesciano sul suo conto nelle ore che precedono la prima conferenza stampa da presidente eletto, fatta nella Trump Tower a Manhattan. I media diffondono al condizionale notizie d’un dossier compromettente in mani russe, di cui […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Vade retro Platone e Kant, filosofi bianchi

prev
Articolo Successivo

Capitan America, addio con rimpianti

next