Ci sono scene che circolano su YouTube in grado di far impallidire il peggior boia di Daesh. Decapitazioni, corpi mutilati, decine di cadaveri con i pantaloni abbassati come ultimo, simbolico insulto. Un codice preciso, militare, intriso di crudeltà, in grado di creare terrore e dominio in una delle città più violente del Brasile. E probabilmente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Il referendum sul Jobs Act ha già spaccato i sindacati

prev
Articolo Successivo

Caro Buffalo Bill, papà del nostro immaginario

next