Dio lo possa aiutare, poverino, non l’ho arrestato certo io, quindi cosa posso farci”. A parlare, dall’altra parte della cornetta, è Merhawi Yehdego Mered, cittadino eritreo residente in Olanda, considerato dalle autorità italiane il fratello del “generale” Medhanie Yehdego Mered, il più importante trafficante di uomini attualmente latitante, ma che secondo la Procura di Palermo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Gli “orsi fighetti” braccio armato dei servizi di Putin

prev
Articolo Successivo

Per Macri è già luna di fiele: l’Argentina torna arrabbiata

next