Nadir il solitario coltiva l’odio. Nadir, l’orfanotrofio e un padre imam che non lo ama. Nadir, il Corano e la radicalizzazione. Che sedimenta davanti al pc, dentro a un appartamento popolare nel quartiere di San Siro, il più islamico di Milano. Eppure Nadir non ha amici. Lavora, da un centro commerciale all’altro. Discute, litiga, minaccia. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Cacciato dall’Italia, ma in Argentina “il don fa il pedofilo”

prev
Articolo Successivo

Colosseo, indagine sulla grande mangiatoia

next