La verità, niente altro che la verità. Anche sotto il profilo politico. Questo si pretende, rispetto a una vicenda importante non soltanto per l’Abruzzo, ma per l’intero Paese, considerato che quella di Bussi è la più grande discarica abusiva d’Italia e forse d’Europa (così il Corpo Forestale, che svolse le indagini poi confluite nel processo) […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Bussi, la sentenza e i 3 milioni: inchiesta aperta al ministero

prev
Articolo Successivo

La guerra e la fame: è tornata la strage dei bambini nigeriani

next