Se è vero che niente come la pittura, intesa come ferita che si fa luce, può insegnare agli occhi e al cuore a vedere “i cento universi che ciascuno vede, che ciascuno è”, come scrive Marcel Proust ne La Prigioniera, allora bisogna correre ad ammirare l’affabulante mostra “Hokusai, Hiroshige, Utamaro. I maestri dell’arte giapponese che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La mutazione antropologica delle famiglie “adultescenti”

prev
Articolo Successivo

La democrazia diretta è un grande social che può diventare molto pericoloso

next