Contraddizioni fatali: Italia unita, moderna ma non abbastanza

Nell’Ottocento diventiamo soltanto un serbatoio di citazioni. Col fascismo si perde ogni sintesi culturale
Contraddizioni fatali: Italia unita, moderna ma non abbastanza

Il flusso di artisti venuti a toccare con mano la maestà di Roma durò tutto il XIX secolo e in molti vennero delusi dalla scala delle rovine, meno ciclopiche che nelle incisioni di Piranesi. Lo scrittore Marie-Henri Beyle, che scelse di chiamarsi Stendhal in omaggio alla città natale di Winckelmann, toccato l’apice del Grand Tour […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.