Aqualcuno ricorda tanto il clima intimidatorio che precedette l’assalto all’ambasciata americana di Teheran, nel novembre del 1979, culminato con la presa degli ostaggi (in 52 rimasero prigionieri per 444 giorni). Fatto sta che da quando Mosca e Washington sono ai ferri corti, l’ambasciata Usa si trova spesso al centro di episodi inquietanti. L’ultimo, data due […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Godiamoci il futbol, alla faccia di Trump

prev
Articolo Successivo

Tony Blair come D’Alema: a volte ritornano

next