Speremm de no. E se il Coni dirotterà a Milano la candidatura trombata della Città Eterna per le Olimpiadi del 2024? Dio ce ne scampi e liberi! Non è bastata l’Expo? Il rischio c’è, dopo il feroce no di Virginia Raggi, la sindaca romana. Rassegniamoci, meneghini, subiremo il solito teatrino prezzolato di politici, esperti e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il grande equivoco dello sport in Italia

prev
Articolo Successivo

Macché Giochi, è solo una scusa per non parlare dei problemi veri

next