Diceva John Steinbeck che non si combattono le guerre per fare dello sport. Eppure, visti i conflitti geopolitici in atto all’interno della Fifa e del Cio, è evidente che lo sport è diventato prosecuzione della politica con altri mezzi. Una volta imparato ad amare la bomba, il Dottor Stranamore ha capito che nella nuova Guerra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“La satira non è riverente, infatti piace a giorni alterni”

prev
Articolo Successivo

La festa del papà di hip hop e writing

next