Tremila proposte di conciliazione. Tradotto, tremila docenti per i quali il ministero dell’Istruzione ha ammesso un errore nell’assegnazione dei posti in cui dovranno andare a insegnare quest’anno. A grandi linee è successo che se Giorgio aveva indicato di voler andare a insegnare a Roma, si è invece ritrovato una cattedra a Milano senza motivazioni valide […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Matteo e il ritorno dell’allegro generatore di numeri fasulli

prev
Articolo Successivo

“Non ci siamo piegati, ma ora siamo precari”

next