La mattina di Ferragosto del 1977, intorno alle dieci, suor Barbara fa il consueto giro al secondo piano del reparto di chirurgia del Celio, ospedale militare di Roma. Esce dall’ascensore, poi il carabiniere di guardia le apre la porta del reparto, chiusa a chiave. La religiosa si dirige alla stanza dove è ricoverato Herbert Kappler, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Salone di Torino, la politica locale delle tre scimmiette

prev
Articolo Successivo

La vostra valigia dimenticata andrà al migliore offerente

next