Ho deciso di documentarmi e cercare di capire qualcosa del caso Fabrizio Corona perché nell’ultimo anno, tra proclami da sborone, bizzarre censure tv, ridicoli tentativi di beatificazione e un percorso di recupero a dir poco curioso, ho notato troppe cose che non tornano. Quello che viene fuori analizzando bene la sua vicenda post-carceraria e ascoltando […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Il solito sospetto uccide un agente

prev
Articolo Successivo

“È uscito di galera perché era drogato, ma lo nascondeva”

next