Non sono passati neanche tre mesi dalla nomina di Giorgio Toschi a comandante generale della Guardia di Finanza che il suo nome continua a spuntare da vecchie e nuove inchieste. Non aveva poi così torto, quindi, il presidente Sergio Mattarella, quando lo scorso aprile ha suggerito al premier Matteo Renzi di optare per altri nomi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Così il Generalone di Renzi “scroccava” alla Cricca

prev
Articolo Successivo

La trasparenza sugli stipendi scatena il panico alla Rai

next