Alla fine dell’intervento di Matteo Renzi al Teatro Sociale di Bergamo risuonano le note di Patti Smith, People have the power . Nel rovesciamento dei rovesciamenti, scegliendo come inno della campagna referendaria una canzone “rivoluzionaria” per chiedere un Sì sulla sua riforma, il premier cerca di far dimenticare all’Italia che il potere in realtà ce […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

M5S: via la lista a Cutro, “croce” di Delrio

prev
Articolo Successivo

I guai dietro agli slogan: leggi al rallentatore, caos sulle competenze

next