Sistemate il pallottoliere di Panama Papers. Spostate la prima pallina. Quella col volto di Sigmunder David Gunnlaugsson, premier d’Islanda. È la prima “vittima” eccellente. Si è dimesso. A furor di popolo. Panama Papers l’aveva beccato in flagranza di offshore (insieme a due membri del governo). Dicasi conflitto d’interessi, in un Paese che era stato sull’orlo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Brennero, non passa lo straniero Vienna schiera cento soldati

prev
Articolo Successivo

La sera andavamo al Kgb: ora evadiamo in Usa

next