I fantasmi, il mostro di Loch Ness, gli strani amori pausiniani. Il selfie dell’abbraccio mortale tra Denis Verdini e Matteo Renzi, entrambi toscani, non è mai un’immagine normale, lineare, coerente. Per il governo del giglio magico, l’ingresso dei verdiniani in maggioranza si fa ma non si dice, in ossequio all’ipocrisia italica. Era, per esempio, il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Pressioni sull’amico Matteoli. Prima condanna per Verdini

prev
Articolo Successivo

Mediaset, mezzi salvi grazie al governo

next