il leader di “ordine nuovo”

Pierluigi Concutelli frammenti neri sul massacro Pasolini

A casa dell’ex terrorista di destra nel giorno in cui a Roma esplode “mafia capitale”. Sul corpo del poeta i segni di “tondini di ferro” o tirapugni. “Quel giorno non ero in Italia”. Ma un teste lo contraddice

21 Dicembre 2014

È la mattina del 2 dicembre, il giorno in cui Roma si sveglia Capitale della mafia. Il maxi blitz disposto dalla procura tra 70 indagati e decine di arresti è solo l’inizio dell’avanzare della marea nera che dal “mondo di sotto” ha invaso il “Palazzo”, il “mondo di sopra” procedendo in simbiosi. Pierluigi Concutelli, rilasciato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.