» Cinema
giovedì 05/10/2017

“120 Battiti al minuto”: il peccato è il silenzio di chi non sa ascoltare

Parigi, anni 90: emergenza Aids e diritti. Il regista Robin Campillo si immerge nel clima di morte e omertà e nell’amore puro e privato di Nathan e Sean
“120 Battiti al minuto”: il peccato è il silenzio di chi non sa ascoltare

Silenzio uguale morte. È anche questo il motivo per cui i numerosi giovani raccolti in un’aula scolastica parlano ininterrottamente: non si può tacere quando là fuori centinaia di migliaia di persone sono regolarmente uccise dall’Aids. Urgente per quanto datato a inizio anni 90, 120 Battiti al minuto del franco-marocchino Robin Campillo è la più esplicita […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

Santamaria: “Sospendete chi ci offende”

Cinema

Affrettatevi a vedere “Blow Up”: ha 50 anni ma è il meglio della stagione italiana

L’iperattiva star Robert Downey: dai Marvel al dott. Dolittle
Cinema
Ciak si gira

L’iperattiva star Robert Downey: dai Marvel al dott. Dolittle

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×