Zaza e Pellè, siete umili? Allora non fate gli splendidi

Il problema non è lo sbaglio, ma come si sbaglia. Se sei una squadra che ha l’umiltà come valore fondante, non puoi permetterti di fare lo splendido. A quel punto, fatalmente, vieni punito. Ed è quello che è capitato a Zaza e Pellè. Forse colpevoli e forse capri espiatori, di sicuro un po’ bischeri dal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.