Wow, contemporanei ben saldi negli Anni 60

La fascinazione dei Wow per l’Italia degli Anni 60, già in bella evidenza nell’esordio Amore di tre anni fa, va al di là dei riferimenti a Mina, Patty Pravo, Nada, l’inevitabile Morricone e svariati gruppi beat da festival pomeridiano al Piper che emergono nelle loro canzoni. Si tratta di un’influenza estetico-culturale più ampia, come dimostra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.