Voucher, voto il 28 maggio. Il governo prova a svuotarlo

Manovre - In Parlamento le proposte per sminare la consultazione voluta dalla Cgil. Difficile l’election day con le Comunali (forse a giugno): l’esecutivo butta 100 milioni
Voucher, voto il 28 maggio. Il governo prova a svuotarlo

Ci sono in ballo un centinaio di milioni e una bella fetta di credibilità, ma il governo Gentiloni non sembra badare né ai primi, né alla seconda: il Consiglio dei ministri ha stabilito che i referendum su voucher e appalti, promossi dalla Cgil, saranno votati il 28 maggio. Niente election day, quindi, a meno di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.