Ventotene, l’isola del confino dove nacque il Manifesto di Altiero Spinelli

Gesto simbolico - I tre vanno in elicottero a deporre fiori sulla tomba dell’autore
Ventotene, l’isola del confino dove nacque il Manifesto di Altiero Spinelli

L’Europa unita la immaginarono nero su bianco lì, nell’isola che era la riserva degli esiliati. Ventotene, un chilometro e mezzo di terra e un pugno di abitanti, è nota ai più per l’omonimo manifesto, letteralmente intitolato Per un’Europa libera e unita: progetto d’un manifesto. Lo scrissero tra il 1941 e il 1942 Altiero Spinelli, Ernesto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.