Vecchio amico mio

Non in riva al lago. In paese. All’inizio del pomeriggio. Arrivavi da Luino, scendendo lungo la “Sponda Magra”. Entravi a Porto (Valtravaglia, ovviamente) e giravi a sinistra. Prima di arrivare all’acqua. Una casa usata. Usata bene. Una cucina grande, accogliente. E l’attesa che Nanni si alzasse. “Un riposino”, diceva invariabilmente, chiedendo amabilmente venia, la consorte. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.