Valente, la candidata a sua insaputa

Comunali - Sentita sulle liste coi nomi fasulli, risponde ai pm con tanti “non so”
Valente, la candidata a sua insaputa

La candidata sindaco Pd di Napoli Valeria Valente poteva non sapere. E niente sapeva. Sentita l’8 febbraio dal pm Stefania Buda come teste dell’inchiesta sulle nove candidature fasulle in “Napoli Vale”, la deputata orfiniana risponde alle domande come una che sembrava trovarsi nel comitato elettorale di piazza Bovio quasi per caso: “Non ricordo tutti i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.