Un Piccolo di 70 anni. Autonomo sicuramente, ma non troppo cresciuto

Nel 1947 Giorgio Strehler sfondò la porta del vecchio cinema Broletto. Dal 6 maggio spettacoli e riscritture di libri: non tutto, però, all’altezza degli 11 milioni di contributi pubblici
Un Piccolo di 70 anni. Autonomo sicuramente, ma non troppo cresciuto

Correva l’anno 1947 quando, con un calcio, Giorgio Strehler sfondò la porta del vecchio cinema Broletto in via Rovello a Milano. Dapprima pensò che lo spazio fosse troppo “piccolo”, angusto, poi però ci ripensò e telefonò a un amico, tale Paolo Grassi: “Se tu te la senti, io me la sento”. Quello se la sentì, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.