“Un metro prima della verità”: vita di un detective

“Un metro prima della verità”: vita di un detective

Torino è la città ideale per far vivere Salvatore Puglise detto Sal, investigatore privato ultrasessantenne. Puglise è una sorta di Marlowe dei poveri. La dura legge della realtà. Sigarette, prostata, jazz su vinile, tanto jazz, donne zero, il miglior amico che gestisce un’antica “piola”, le osterie della città convertite al fighettume degli aperitivi. Il detective […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.