“Un chiodo da 20 mila euro nel perone: voleva rovinarmi”

Pioggia di testimonianze ed esposti in Procura contro la cricca lombarda delle protesi
“Un chiodo da 20 mila euro nel perone: voleva rovinarmi”

Milano “Il dottor Calori mi propose, per correggere un disallineamento femororotuleo, di spaccare e staccare la cresta tibiale, spostarla sul perone fissandola con un chiodo. Costo visita 200 euro, del folle ed inutile intervento chirurgico 20mila euro. Costo dello spavento, incalcolabile”. È di racconti come quello postato su Facebook da Rosa S. che potrebbero ora […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.