Un calcio a pugno chiuso: pensare col piede sinistro

Da Sollier a Lucarelli, da Just Fontaine fino a Socrates e Maradona: gli anni in cui qualcuno era comunista (anche nel pallone). E i tatuaggi di Che Guevara erano più frequenti degli scatti con le veline
Un calcio a pugno chiuso: pensare col piede sinistro

Rischiare più volte di farsi beccare armato per un controllo all’interno dello stadio, per via dell’irrefrenabile voglia di entrare al Comunale e vedere la Juventus. Lo racconta Patrizio Peci ne Io, l’infame (1983), l’autobiografia dell’ex capocolonna torinese delle Brigate Rosse che, con il suo pentimento, diede la spallata decisiva per la dissoluzione della più sanguinaria […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.