Triste, giudiziario e finale: i berluscones tra celle e tribunali

La fine è nota - Il declino politico, e a colpi di condanne, dell’intera classe dirigente forzista, che 20 anni fa promise di cambiare l’Italia
Triste, giudiziario e finale: i berluscones tra celle e tribunali

Com’è triste il declino politico-giudiziario della classe dirigente che vent’anni fa prometteva di cambiare l’Italia. Silvio Berlusconi e gli “uomini nuovi” del suo centrodestra tramontano mestamente, bocciati nelle urne dagli elettori che hanno tolto loro milioni di voti; e massacrati nei tribunali da sentenze che accompagnano verso il carcere proconsoli, colonnelli e capitani. In un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.