The Dream Syndicate: neanche troppo un sogno

The Dream Syndicate: neanche troppo un sogno

Gli elementi per aspettarsi il solito disco a seguito della solita, prescindibile, reunion c’erano tutti: un gruppo che rientra in studio dopo tre decenni di silenzio e il classico giro di live per rimettersi in forma; un frontman carismatico e iperattivo, Steve Wynn – che, magari, torna con la band per rinvigorire la propria produzione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.