Terzo profugo suicida a Milano: ha conquistato così lo Ius soli

Amini Najee Buuam aveva 34 anni, era nato il 3 febbraio del 1983. Scappava dai talebani, dalla guerra in Afghanistan, dalla miseria, dalla fame. Voleva raggiungere qualcuno in Austria, o in Germania, amici, forse parenti, chissà: non lo sappiamo, non lo sapremo probabilmente mai. Invece, il 4 agosto, gli austriaci, in base ai famigerati accordi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.