Terremotati tra gelo e bugie. “Il voto? Pensiamo ad altro”

Senza case - Colpiti dalle scosse e illusi da Renzi, c’è chi se ne va e chi fa di tutto per restare. A Norcia l’ora delle proteste: “Siamo costretti ad arrangiarci”. Amatrice è un deserto
Terremotati tra gelo e bugie. “Il voto? Pensiamo ad altro”

A votare ci vado. È un mio diritto. Ma non ti dico come voterò”. Norcia, frazione Popoli. Se qualcuno volesse misurare la distanza siderale che passa tra la vita reale dei terremotati e le raffica di promesse da referendum, dovrebbe venire qui. Non ci sono comode poltroncine da talk-show dove scontrarsi su realtà solo immaginate, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.