Tap, proteste e “soldi sporchi”. Quell’affare che piaceva a Tarantini

L’Espresso - Oggi in edicola: “Mafia dietro il gasdotto”. L’azienda querela
Tap, proteste e “soldi sporchi”. Quell’affare che piaceva a Tarantini

Dietro l’azienda che ha ideato il Tap, il contestato gasdotto Trans Adriadic Pipeline che porterà in Puglia il gas dell’Azerbaijan, c’è un manager svizzero indicato in alcune intercettazioni – nell’ambito di un’inchiesta su un traffico di cocaina – come colui che riceveva in Svizzera denaro realizzato con la droga. Mentre continuano le proteste a Melendugno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.