Struzzo ingrato: il pasticciaccio brutto di via Biancamano

Il caso Einaudi, intenzionata a disertare il Salone di Torino
Struzzo ingrato: il pasticciaccio brutto di via Biancamano

Il mio obiettivo è quello di incontrare tutti gli editori per poter parlare insieme del progetto relativo al Salone del Libro di Torino. Poi toccherà a loro compiere le necessarie valutazioni e decidere se concederci o meno fiducia”. Raggiunto telefonicamente, con queste parole Nicola Lagioia, neo-direttore della storica kermesse editoriale del Lingotto, ha fatto il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.