“Stampubblica” e il Moloch del monopolio pubblicitario

Il mercato non basta a difendere il pluralismo dell’informazione dall’intrigo degli interessi forti tra gli editori privati e le politiche pubbliche
“Stampubblica” e il Moloch del monopolio pubblicitario

“Berlinguer guardava con simpatia a un giornale di editori puri” (dall’intervista di Eugenio Scalfari a Repubblica, 28 luglio 2016). Non è solo questione di un 3%. Non basterà una sforbiciata di copie, al nuovo colosso “Stampubblica”, per rispettare i “tetti” stabiliti dalla legge sull’editoria. E comunque, qui non si tratta soltanto di numeri e percentuali, bensì […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.