Socrate al Colle e il “noumeno” di Di Maio

Lo stallo - Le consultazioni guidate dalla maieutica di Mattarella e ispirate da Kant e Nietzsche
Socrate al Colle e il “noumeno” di Di Maio

Interno Quirinale, nello Studio alla Vetrata. Sergio Mattarella e Luigi Di Maio. Dice il capo dello Stato: “Caro onorevole se ho ben capito lei vorrebbe l’incarico sulla base del noumeno di Kant?”. Di Maio: “Esattamente presidente”. Mattarella: “Ma il noumeno significa ciò che è pensato o pensabile dal puro intelletto, indipendentemente dall’esperienza sensibile. Lei come […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.