Siete in Italia: tacete e siate molto belle. E poco pagate

Ma no, ma no, ragazze! Chiedere soldi, alzare la voce, pretendere, far valere le vostre capacità o semplicemente un banale principio di giustizia – lavoro uguale, stipendio uguale – è la peggior deminutio che potete infliggere alla vostra femminilità, dopo i Crocs e la bikini-line cespugliosa. L’autoaffermatività nelle trattative sullo stipendio lasciatela alle lesbiche, che, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.