Siamo al suicidio culturale e turistico

Sul Codice per il Paesaggio Rutelli/Settis il governo e per esso il ministro Dario Franceschini cala di nuovo, col solito decreto, la scure. Via i controlli delle Soprintendenze sulle autorizzazioni paesaggistiche in aree già tutelate, vincoli ritenuti da privati e Comuni “inutili appesantimenti burocratici allo sviluppo”. Il termine “semplificazione” significa infatti che saltano o vengono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.