Shaun Tan: “La mia diversità per trovare un posto nel mondo”

Esce per Tunué “La cosa smarrita”, il graphic novel da cui l’australiano Shaun Tan ha tratto il corto con cui ha vinto l’Oscar nel 2011
Shaun Tan: “La mia diversità per trovare un posto nel mondo”

Un giorno come tanti, in un’estate di qualche anno fa, un ragazzo occhialuto e spettinato andava a caccia di tappi di bottiglia per la propria collezione. Finché, su una spiaggia, incontrò la cosa smarrita. Era decisamente fuori posto e somigliava ad una gigantesca teiera rossa da cui fuoriuscivano tentacoli e chele di colore grigio. Ma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.