Shalabayeva e la Diaz, bugie senza mandanti

L’espulsione della donna kazaka come le false molotov nella scuola del G8 2001: pagano i superpoliziotti e i politici restano nell’ombra
Shalabayeva e la Diaz, bugie senza mandanti

La storia si ripete: il (presunto) sequestro di Alma Shalabayeva e della figlia Alua come l’assalto alla scuola Diaz al G8 di Genova del 2001. Superpoliziotti indagati (e per la Diaz condannati) per vari reati tra cui il falso ideologico: bugie, secondo le accuse, finite agli atti per coprire qualcosa. Nel caso della Shalabayeva, l’identità […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.