Settemila persone per un progetto: la rivoluzione in nome di Madre Terra

La manifestazione voluta da Carlin Petrini per ridare dignità al vino georgiano o alle banane dell’Uganda
Settemila persone per un progetto: la rivoluzione in nome di Madre Terra

C’è un equivoco su di me: qualcuno dice che io sia un visionario, invece sono un pragmatico”. Difficile dare torto a Carlo Petrini – per tutti, Carlin – guardando sfilare settemila produttori di cibo provenienti da 143 Paesi per le vie di Torino, l’altroieri. I più fortunati sono appena usciti dal Teatro Carignano dove s’è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.