Senato: Minzolini se ne va, l’ex grillino resta ostaggio

Dopo averlo salvato dalla legge Severino, Palazzo Madama vota a favore delle dimissioni del direttorissimo (che ora fa il martire condannato). Subito dopo, però, vota no a quelle di Vacciano
Senato: Minzolini se ne va, l’ex grillino resta ostaggio

Per descrivere la giornata a specchio dei senatori Augusto Minzolini e Giuseppe Vacciano servirebbe familiarità con le categorie della psichiatria, più che con quelle della politica. Però l’intreccio dei loro destini racconta il Senato italiano meglio di un trattato. Il primo, ex superstar del servizio pubblico lottizzato, è stato condannato in via definitiva per peculato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.