» Cultura
martedì 07/03/2017

Sei mia quindi ti uccido. Storie di donne (nel 1896)

La giornalista Séverine: “Gli uomini e il concetto di proprietà”
Sei mia quindi ti uccido. Storie di donne (nel 1896)

Non ci si deve ingannare: i tre quarti dei marcantoni che uccidono la propria moglie non hanno per nessun motivo la scusa della gelosia, il pretesto della passione. […] Urbi et orbi, nella propria patria, la donna resta sotto le regole del proprio padrone; l’imposizione le è marchiata in fronte, e se la sua fuga […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Mondo

Altro che voto elettronico, meglio la matita

Cultura

Fu “la Regina della stampa”. Non chiamatela femminista

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×