Sei mia quindi ti uccido. Storie di donne (nel 1896)

La giornalista Séverine: “Gli uomini e il concetto di proprietà”
Sei mia quindi ti uccido. Storie di donne (nel 1896)

Non ci si deve ingannare: i tre quarti dei marcantoni che uccidono la propria moglie non hanno per nessun motivo la scusa della gelosia, il pretesto della passione. […] Urbi et orbi, nella propria patria, la donna resta sotto le regole del proprio padrone; l’imposizione le è marchiata in fronte, e se la sua fuga […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.