Sarajevo addio, l’odio prodotto dalle “tribù”

Serbi, croati, musulmani:, a 21 anni dalla fine dell’assedio si rinfacciano i terribili massacri. E i politici mantengono il potere creando altre divisioni
Sarajevo addio, l’odio prodotto dalle “tribù”

Di troppa memoria si può anche morire. Amina ha 29 anni, occhi chiarissimi sottolineati dal trucco, maglietta bianca scollata, jeans attillati, una pagina Facebook con foto da modella. Racconta i massacri di 25 anni fa a Sarajevo come fossero di oggi. La granata al mercato, il sangue, i cecchini, i bambini dilaniati, il tunnel sotto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.