Rossi e l’immagine malconcia del Csm

Il Csm, dopo circa otto mesi di indagini, ha deliberato a maggioranza l’archiviazione della procedura di trasferimento di ufficio aperta nei confronti del Procuratore capo di Arezzo, Roberto Rossi, titolare di un’istruttoria penale che ha coinvolto anche il padre della ministra Boschi. Si addebitava, in sostanza, al pm Rossi – consulente giuridico presso l’Ufficio legislativo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.