Rigoroso e mai noioso: il signor G era un amico

Il primo gennaio saranno 15 anni senza di lui Gian Piero Alloisio ricorda in un libro come fosse stargli vicino
Rigoroso e mai noioso: il signor G era un amico

Se non aveva nulla di importante da dire, anzi, da cantare e recitare, il mio amico Giorgio Gaber non andava in scena. I teatri lo reclamavano, ma lui sapeva resistere alle lusinghe della notorietà e alle seduzioni del denaro. Una volta mi disse: “Un uomo lo si giudica dal prodotto”. Così, fino a che il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.