» Politica
giovedì 07/09/2017

Ricolfi: “Il 5Stelle ha inciso poco, ma ha fatto argine”

Ricolfi: “Il 5Stelle ha inciso poco, ma ha fatto argine”

Il ricordo della piazza del V-day non pare colpirlo. E il giudizio su cioè che ne è scaturito, il M5S, è severo. Ma il sociologo Luca Ricolfi riconosce anche qualche merito al Movimento.

Dieci anni dal V-Day: ma cosa rappresentava quell’evento?

Per quel che ricordo c’era grande insoddisfazione per il governo Prodi, specie dopo l’indulto e la manovra economica. È il caso di ricordare che la serie storica delle famiglie “che non arrivano alla fine del mese” raggiunse un picco verso la fine di quell’esecutivo.

Quella piazza era la culla del populismo? Ammesso che questo termine abbia una accezione precisa…

Il termine populismo non è confuso, vago o polisemico come in tanti dicono. Nei libri di Marco Tarchi, ad esempio, il concetto è messo a fuoco in modo preciso e più che convincente. E il movimento di Grillo corrisponde perfettamente al tipo ideale, anche perché, a differenza di quasi tutti gli altri movimenti, italiani ed europei, più o meno correttamente etichettati come populisti, non è sbilanciato né a destra né a sinistra. Solo in Italia, grazie ai Cinque Stelle, è dato osservare un movimento populista allo stato puro.

Il V-day invocava un Parlamento senza condannati in via definitiva, il limite di due legislature per i parlamentari e l’introduzione delle preferenze nella legge elettorale. Tutte buone idee?

No: qualcuna era ottima (niente condannati), qualcuna discutibile (le due legislature, le preferenze). Il punto, però, è che i guai dell’Italia sono altri, il poco lavoro e la poca crescita. E su questi problemi i Cinque Stelle non hanno idee che possono funzionare.

Si può dire che il M5S abbia inciso positivamente su temi come la trasparenza e il taglio degli sprechi?

Mi pare che, sugli sprechi e la trasparenza, la politica riesce a mala pena a fare modeste operazioni di immagine: vendita di auto blu, qualche limatura ai privilegi della casta, qualche legge di fatto inapplicata o inapplicabile (e parlo dell’accesso ai dati della pubblica amministrazione).

Grillo lo rivendica spesso: senza i 5Stelle la protesta di molti sarebbe degenerata. È d’accordo?

Sì. Aggiungerei che è stupefacente che il Movimento sia nato così tardi. C’è una sociologa italiana, Cinzia Meraviglia, che già nel 2001 – con una tecnica matematico-statistica molto sofisticata – aveva scoperto l’esistenza di un segmento elettorale nascosto, potenzialmente esplosivo, e sostanzialmente privo di rappresentanza politica.

Si parla molto della conversione moderata dei 5 Stelle, con la svolta a destra sull’immigrazione e la frenata sull’uscita dall’euro. Lei nota questo cambiamento, e se sì, era naturale? La piazza di Bologna è “lontana”?

Era naturale e comunque Grillo era anti-immigrati fin dalle origini. Il fatto è che il popolo vuole tenersi l’euro e non ne può più del disordine migratorio: il movimento di Grillo non fa che assecondare i sentimenti popolari, senza bisogno di alcun sondaggio.

Ora, in definitiva, cos’è il Movimento 5 Stelle? E cosa può diventare?

Il M5S rappresenta quella che io chiamo la “Terza società”, o società degli esclusi, le cui dimensioni sono enormemente cresciute durante la crisi. Cosa può diventare? Nessuno lo sa, però tendo a pensare che non dipenderà da loro. Il personale politico è quello che è, sconfortante come quello degli altri partiti, e tale resterà. Se l’economia si riprenderà e Minniti terrà la barra dritta, i Cinque Stelle arrancheranno, se invece l’economia dovesse attraversare un’altra crisi e gli sbarchi dovessero tornare ai livelli del triennio renziano, i Cinque Stelle potrebbero anche veleggiare verso il 35-40% dei consensi. Senza contare la variabile terrorismo, che fortunatamente è l’unico ingrediente del cocktail populista ancora assente nello scenario italiano.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Critico leale di Bergoglio

È morto il cardinale Caffarra, simbolo dell’ala conservatrice

È morto a 79 anni il cardinale Carlo Caffarra, già arcivescovo di Bologna per 12 anni. È stato uno dei punti di riferimento dell’ala conservatrice della Chiesa cattolica. Di recente, è stato uno dei quattro autori dei cosiddetti dubia, i rilievi critici a Papa Francesco sulla Amoris Laetitia, l’enciclica sul matrimonio. Le osservazioni nei confronti del pontefice, in ogni caso, non avevano fatto venire meno il rispetto personale tra i due uomini, dimostrato dall’abbraccio tra Caffarra e Bergoglio durante la visita del Papa nel duomo di Carpi, lo scorso aprile. I funerali saranno celebrati sabato dal vescovo di Bologna, mons. Matteo Zuppi. Caffarra sarà ricordato anche per le sue prese di posizioni conservatrici contro le unioni gay e in difesa della famiglia tradizionale. Sotto la sua guida, la diocesi di Bologna è stata anche la prima al mondo ad aver ricevuto in eredità un’azienda multinazionale, la Faac di Zola Predosa (compresi alcuni guai giudiziari). Ieri hanno espresso il loro cordoglio diversi politici cattolici. Primo tra tutti, Pier Ferdinando Casini: “Caffarra è stato un profondo uomo di fede, un illuminato studioso, un cristiano integerrimo e senza compromessi”.

Politica

Il “vaffa” era salutare, ma senza un’etica condivisa non si costruisce niente

Politica

Freccero: “Ormai il Movimento si è normalizzato”

“Rifaccio la sinistra unita: senza sfigati alle Europee”
Politica
L’intervista - Luigi de Magistris

“Rifaccio la sinistra unita: senza sfigati alle Europee”

D’Alema e Marx: “Una miniera d’oro”
Politica
Compagno max

D’Alema e Marx: “Una miniera d’oro”

di
Primarie del Pd: Renzi irrilevante come Calenda
Politica
IL sondaggio

Primarie del Pd: Renzi irrilevante come Calenda

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×