Matteo Renzi non molla le nomine: via da Poste il ribelle Caio, Profumo verso Finmeccanica

La grande spartizione - L’ex premier vuole confermare quasi tutti i manager scelti tre anni fa e i renziani in Cda, ma soprattutto il presidente della sua Fondazione, Bianchi
Matteo Renzi non molla le nomine: via da Poste il ribelle Caio, Profumo verso Finmeccanica

Gli storici del renzismo ricordano la risposta che, nella primavera di tre anni fa, Luca Lotti dava a chi chiedeva il motivo di tanta urgenza nel far cadere Enrico Letta e portare Matteo Renzi a Palazzo Chigi: “Ci sono mille poltrone da assegnare”. Quelle poltrone ora sono in scadenza, Renzi è di nuovo fuori ma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.