Regeni, il Cairo vieta ai pm di Roma di partecipare agli interrogatori degli agenti

Ultimo smacco: la Procura egiziana continua a mandare materiale probatorio incompleto
Regeni, il Cairo vieta ai pm di Roma di partecipare agli interrogatori degli agenti

L’ultimo smacco. Sempre lo stesso epilogo. Con la solita conseguenza: la mancata collaborazione da parte dell’Egitto con le autorità italiane che stanno indagando sulla morte di Giulio Regeni, il ricercatore trovato senza vita al Cairo il 3 febbraio del 2016. Il pm Sergio Colaiocco, dopo l’ennesima rogatoria, ha ricevuto ancora una volta materiale probatorio incompleto. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.